Lettera aperta ad Antonio Bassolino

You may also like...

3 Responses

  1. Un report sintetico ma molto dettagliato sulla stagione più cupa della nostra amata campania felix!
    Grazie a Roberto per aver ricordato in questa bella lettera la verità storica, che molti cittadini oggi fingono di ignorare!
    Io, come te, Roberto, non dimentico, e spero che tanti cittadini non abbiano dimenticato lo scempio che ha compiuto Antonio Bassolino. Se ne è stato inconsapevole non lo sapremo mai, visto che quei reati sono andati in prescrizione. Una cosa è certa: è stato il peggior presidente della regione e commissario per i rifiuti che sia mai esistito al mondo! E quindi non lo vorrei mai più come sindaco di Napoli. Anzi, vorrei che gli fosse interdetta qualsiasi carica pubblica per manifesta incapacità. Il giudizio etico di certo non va disgiunto da quello politico, ma qui mi limito a quello politico, perchè mi disgustano a sufficienza gli anni dal 2000 al 2010 della storia politica di Bassolino, come presidente della regione e commissario per i rifiuti. E mi disgusta più di ogni altra cosa la tracotanza con cui oggi un politico così fallimentare nella sua attività, come Antonio Bassolino, possa riaffacciarsi alla vita politica. Per me dovrebbe scomparire dalla campania e partire come missionario per un qualsiasi paese del mondo, a sua scelta.

  2. antonio maggio scrive:

    Senza particolari simpatie per Bassolino vi invito a non dire cose inesatte.. mi riferisco in particolare alla individuazione dei siti delle discariche che fu opera del governo Berliusconi e del commissario Bertolaso unici veri responsabili del disastro ambientale in quel periodo.. evitate come al solito di usare male la concorrenza a sinistra se ne avvantaggia solo la destra.. se poi questo fa piacere non ho nulla da dire..

  3. Vincenzo Russo scrive:

    Gli ospedali della Campania sono pieni di giovani e meno giovani che si sono ammalati grazie a quest’essere immondo…
    “Egr. Dott. Bassolino”,
    diceva Totò, in celebri suoi versi, che “la morte è una livella…”;..
    in vita però c’è , purtroppo, un grande dislivello, e non solo di casta, ma anche di sofferenze.
    In vita, infatti, c’è chi soffre e muore per colpa di altri e c’è chi fa soffrire e morire per colpa diretta e indiretta, e la “terra dei fuochi” in cui io e la mia famiglia viviamo e soffriamo ne è uno degli esempi più crudi e drammatici.
    Chi Vi scrive… “Egr. Dott, Bassolino”, vive nei Campi Flegrei, ma è cresciuto nella terra dei fuochi…non è un gioco di parole, ma è una evoluzione storica di una violenza inaudita, che, da tanti anni, mi autorizza a sentirmi gemellato con Hiroshima e Nagasaki, simboli di una tragedia non causata dalla natura ma dalla miseria morale dell’ uomo.
    Una terra meravigliosa la mia, così amata e rispettata da greci e romani, trasformata in una immensa discarica di rifiuti tossici, in una fogna velenosa che già ha rubato la vita a tante persone, che ha già fatto ammalare a migliaia la gente, non trascurando, con varie forme cancerogene, nessuna famiglia ( a partire dalla mia), e che continua a togliere loro speranze e futuro, mettendo costantemente a rischio, la loro salute e quella dei loro figli.
    Da anni infatti, io e la mia famiglia, come tantissime famiglie che hanno respirato e mangiato i veleni che lei ha permesso, vendendo la nostra terra ( da protagonista o da Ponzio Pilato) ai poteri massonici e alle lobby degli industriali del nord e quelli stranieri, paghiamo un prezzo altissimo.
    Ora la grande paura ha toccato anche me ( ho 48 anni) e le voglio raccontare proprio la mia giornata di ieri.
    Da un anno, quindi, avevo un dolore intenso alle parti intime (che ho tenuto per mesi segreto…perchè ne avevo vergogna…)…
    Pensi …”Egr. Dott. Bassolino”… con tanta gente che fa del male senza vergogna, ci sono ancora stupidi come me che si vergognano di soffrire…
    Ebbene, come un condannato a morte, ieri mi sono recato al Pascale ( il famoso centro oncologico napoletano che le dovrebbe dedicare una statua da porre all’ ingresso, per ”ringraziarla” per tutti i clienti che Lei ha contribuito, con il massimo impegno e professionalità, a procurare ). Ero molto giù, perché non era una visita di routine, ma dovevano verificare se il dolore fosse dovuto a una neoplasia maligna.
    Pur avendo lottato per anni per il mio quartiere ( Pianura) e per la terra dei fuochi e pur avendo conosciuto tanti ammalati di cancro di queste zone e tanti genitori che come me, hanno figli ammalati o già deceduti, nel mio andare al Pascale, per un motivo che mi riguardava direttamente anche sul piano fisico, mi sono sentito come ..un condannato a morte che si recava..al patibolo;..un patibolo con una ghigliottina e pensi un po’…il boia aveva la sua faccia.
    Comunque, in quella mezz’ora di percorrenza per arrivare da casa mia al nosocomio, sono riaffiorati tutti i ricordi di infanzia, i sacrifici fatti, le sofferenze già patite e….mi chiedevo: Ma cosa ho fatto io per meritare tutto questo.
    Giunto, comunque, ad Auschwitz ( pardon… il Pascale ), mi recai nel reparto dove mi stava aspettando “ il mio Angelo” …e La vidi!
    Aveva lo sguardo perso nel nulla.
    Guardandola, dimenticai il mio dolore e pensai al suo, e ripensai, con rabbia e odio, a chi come lei…. “Egr. dott. Bassolino”… è stato, come minimo, grande complice di questo scempio.
    Lei era una ragazza di circa 30 anni, ammalata di cancro nelle sue parti intime! Era lì per fare una tac.
    Ci guardammo, e vidi in lei e nei suoi occhi la mia stessa angoscia.
    Al momento che il mio Angelo e cioè la mia infermiera, la preparò per l’ iniezione in vena ( perché era una tac con mezzo di contrasto), l’ angoscia ebbe il sopravvento su di me e anche su sua madre, che scappo via da una parte, mentre io, turbato nella mia anima ( in quel momento quella ragazza … era mia figlia) scappavo dall’ altra.
    Ebbene,…in quel momento, …”Egr. Dott Bassolino”… io
    VI HO MALEDETTO! SI! …ORA TRA LE MIGLIAIA DI MALEDIZIONI DI CHI HA PERSO I FIGLI, LA SALUTE E LA VITA PER COLPA SUA…CI SONO ANCHE IO…VINCENZO RUSSO!
    LA MALEDICO E LE CHIEDO :
    MA COME FA LA SERA AD ANDARE A LETTO E DORMIRE?
    MA LEI PENSA DAVVERO DI AVERLA FATTA FRANCA?
    NON SI ILLUDA….
    LA “GIUSTIZIA” TRA VIRGOLETTE PUÒ AVERLA ANCHE ASSOLTA, MA ….LEI CREDE DAVVERO DI ESSERE STATO ASSOLTO DAL POPOLO CAMPANO, DALLA SUA ANIMA E DA DIO?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>